Category

news

CHIUSURE SEDI

In occasione delle prossime festività, gli orari delle sedi di CIAI subiranno delle variazioni.

Ecco il calendario delle chiusure:

MILANO  dal 25 al 28 aprile inclusi

ROMA     dal 22 al 28 aprile inclusi

BARI       dal 25 al 28 aprile inclusi

PADOVA dal 20 al 27 aprile inclusi

CAGLIARI dal 25 aprile al 1° maggio inclusi

PALERMO dal 19 al 28 aprile inclusi

 

 

 

 

LA CAI ESPRIME PROCCUPAZIONE PER EPISODI DI RAZZISMO

Sono parole forti e chiare quelle che la CAI affida al comunicato pubblicato ieri sul suo sito.La Commissione per le Adozioni Internazionali esprime profonda preoccupazione per i recenti gli episodi di razzismo nei confronti di quei figli adottivi che a causa del colore della loro pelle vengono fatti oggetto di atti di bullismo e vessazione. Questi comportamenti del tutto censurabili si inseriscono in un clima in cui la diversità è purtroppo percepita come un disvalore invece che essere considerata una fonte di arricchimento individuale e collettivo.

La Commissione Adozioni sottolinea come, nel clima di generale intolleranza nei confronti di chi ha caratteristiche somatiche diverse, anche i figli adottivi –bambini, ragazzi ma anche adulti- siano oggetto di discriminazioni di vario genere, sebbene sia italiani a tutti gli effetti.

Una situazione che CIAI, sollecitato dalle famiglie socie, denuncia da tempo.

Ma la CAI aggiunge ulteriori elementi di preoccupazione: le notizie di questi gravi episodi di razzismo e, più in generale del clima che si è diffuso in Italia, hanno sicuramente varcato le frontiere arrivando proprio nei Paesi da cui giungono i bambini adottati, sollevando preoccupazione per il loro futuro.

Anche a CIAI sono stati fatti rilievi in questo senso e in più di un’occasione ci è stato chiesto di rendere conto di determinate situazioni, di confermare o meno le notizie a loro giunte. Una situazione del genere non facilita certo i rapporti di collaborazione fra Stati, sempre delicati e articolati.

CIAI da sempre lavora per promuovere l’inclusione e la lotta contro ogni forma di discriminazione; siamo convinti che le famiglie adottive rappresentino degli anticorpi potenti contro il razzismo perché sono la testimonianza vivente che un mondo diverso, accogliente e colorato, non solo è possibile ma è più bello, costituisce una ricchezza e genera felicità per tutta la comunità.

Noi famiglie adottive, che viviamo  la differenza ogni giorno come dimensione di assoluta normalità, col nostro  esempio, con la nostra testimonianza, con la nostra attivazione, possiamo  trasformare  la nostra differenza in un fare la differenza, incidendo e “contaminando” gli ambienti in cui viviamo e operiamo, veicolando così  messaggi di inclusione e di lotta alla discriminazioni.

Facciamo nostro l’auspicio della Commissione Adozioni che intolleranza e razzismo vengano “contrastati da tutti coloro che hanno a cuore fratellanza, solidarietà e soprattutto il bene dei minori” e, aggiungiamo noi, anche da chi ricopre importanti ruoli istituzionali.

 

 

VENITE IN ASSEMBLEA A FARE LA DIFFERENZA

“Siamo la differenza. Facciamo la differenza”: questo il tema dell’incontro CIAI 2019, nell’ambito del quale si tiene anche l’Assemblea dei Soci. Quattro giorni intensi – dal 25 al 28 aprile – per confrontarci sulle tematiche che più ci coinvolgono e ci stanno a cuore. Per trovare risposte e stimolare riflessioni. Saremo ospitati presso il Savoia Hotel di Rimini.

Potrete scaricare qui il  PROGRAMMA aggiornato.

Siete ancora in tempo per iscrivervi! Compilate subito il Modulo di Adesione

VI ASPETTIAMO!

VERIFICHE CAI SUGLI ENTI AUTORIZZATI: PER CIAI ESITO POSITIVO

Nei mesi scorsi la  Commissione per le Adozioni Internazionali ha avviato le verifiche sugli Enti autorizzati stabilite dalla delibera n. 1/2017/SG del 12 settembre 2017. Secondo i criteri stabiliti dalla CAI, il nostro Ente è risultato pienamente in regola.  La notizia ci fa piacere sia per il risultato personale sia perché già da tempo avevamo sollecitato queste verifiche, secondo noi indispensabili per garantire che gli Enti operanti agissero in trasparenza e correttezza.

Come è pubblicato sul sito della CAI :”I criteri che hanno guidato la verifica della sussistenza dei requisiti di idoneità degli EEAA sono stati: la verifica della proporzionalità tra adozioni concluse e il numero di conferimenti di incarichi pendenti; l’organizzazione con riferimento alle sedi e al personale; la completezza delle informazioni fornite nella relazione sulle attività e il rispetto dei tempi d’invio della stessa e del bilancio consuntivo (ex art.14, comma 1 lett. e del D.P.R. 108/2007) con positiva valutazione di quegli enti che hanno fatto certificare questi documenti da società di revisione contabile.

Infine, è stata inclusa nella valutazione anche l’assenza di segnalazioni significative da parte di aspiranti genitori adottivi.”

 

 

 

“NO HATE SPEECH” CON GLI ATLETI CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

“Siamo lieti di aver collaborato a questa importante iniziativa, perché su temi come il razzismo, la discriminazione, l’odio sociale, non bisogna mai abbassare la guardia “così è intervenuta ieri Paola Crestani alla presentazione ufficiale della nuova campagna sociale di Astoria Wines, tenutasi  nell’ambito di Vinitaly.

Oltre a CIAI, ha collaborato alla campagna “No hate speech”, anche il CONI, che ha concesso il proprio patrocinio. No hate speech” vuole accendere i riflettori sul fenomeno dilagante dell’odio che si diffonde attraverso i social network e che prende spesso di mira anche gli atleti.

Punto di partenza della campagna è un video diffuso soprattutto attraverso i social network , che si intitola: “Speak out against hate speech – atleti contro il razzismo”.

Protagonisti sono sei atleti italiani di origine straniera, che partendo dagli insulti ricevuti rispondono raccontando in modo positivo il loro essere italiani e la loro passione per lo sport e la maglia azzurra.

Gli atleti sono Eyob Faniel, Najla Aqdeir, Yohanes Chiappinelli, Yassin Bouih, Eusebio Haliti della nazionale di atletica leggera  e la tuffatrice Noemi Batki.

Il video farà da traino a un progetto più ampio: un bando, rivolto a filmmaker e videomaker di tutta Italia, a supporto di progetti a tema “No Hate Speech”, con l’obiettivo di favorire l’idea di integrazione. La proposta più in linea con i valori e lo stile di Astoria, verrà finanziata.

GUARDA IL VIDEO

 

NUOVO DIRETTORE ALL’AGENZIA ITALIANA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

E’ stato nominato ieri il nuovo Direttore di AICS: si tratta del ministro plenipotenziario Luca Maestripieri, attuale vicedirettore generale della cooperazione allo sviluppo al Maeci.  Il nome di Maestripieri era già stato fatto dallo stesso Ministro degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale Enzo Moavero Milanesi qualche mese fa.

Come tutti i tutti i soggetti della cooperazione internazionale allo sviluppo sollecitavamo una nomina, essendo l’Agenzia senza direttore ormai da più di un anno.

Al Neo Direttore i nostri più sentiti auguri per il nuovo incarico nel quale, siamo certi, saprà portare tutta l’esperienza maturata negli anni di attività nel MAECI.

L’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo è stata una delle rilevanti innovazioni della riforma legislativa del 2014 –  legge 125 “Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo” – che il Parlamento ha deliberato con voto praticamente unanime.  L’Agenzia è entrata in funzione nel gennaio 2016.

 

LA CAMBOGIA VI ASPETTA

Non è un viaggio qualunque. Il Paese è ricco di storia e di fascino e il programma che CIAI ha messo a punto per voi è sicuramente originale e ricco di emozioni, dalla visita ai templi di Angkor all’incontro con i tanti bambini beneficiari dei progetti, alla conoscenza delle minoranze etniche del nord est.

Dal 17 al 30 agosto CIAI vi porta in Cambogia.

Scaricate il PROGRAMMA e contattate cristiana.carella@ciai.it 02 84 84 44 30 per ulteriori informazioni e prenotazioni.

                                                                                                                      

DOLCE, BUONA ED EQUA. E’ LA PASQUA CIAI

Sono arrivate e le nostre valorose volontarie sono già all’opera per arricchirle con fiocchi, sacchetti in tela, cartoncini informativi. Stiamo parlando delle UOVA DI CIOCCOLATO (fondenti e al latte) e delle COLOMBE PASQUALI firmate CIAI, che vi consentiranno di regalarvi e regalare una Pasqua veramente dolce, buona e solidale.

                                             

Tutte le materie prime sono del commercio equo e solidale e garantite “child labour free”. La produzione di cacao, infatti, è una delle attività in cui è maggiore lo sfruttamento della mano d’opera infantile e avere un cacao che non sia costato ore e ore di duro lavoro ad un bambino è per noi fondamentale. E siamo sicuri che lo sia anche per voi.

Anche per questo il ricavato dell’operazione Uova e Colombe pasquali andrà a sostenere la Campagna “Sarò Bambino”: progetti per prevenire e contrastare lo sfruttamento del lavoro minorile in diversi paesi del mondo.

Per avere maggiori informazioni su costi, consegne e disponibilità contatta Samuela chiamandola al n. 02 84844438 oppure scrivendo a samuela.venturini@ciai.it

 

RAPPORTO CRC: DIRITTI MINORI IN ITALIA, REGIONE PER REGIONE

In Italia, quasi 1/3 dei bambini e degli adolescenti sono a rischio povertà ed esclusione sociale; gravi sono i divari regionali: in Sicilia sono il 56%, in Calabria sono il 49%, in Campania il 47%, in Puglia il 43%. All’opposto, Friuli ed Emilia Romagna (circa 1 bambino su 7, ovvero rispettivamente il 14,9% e il 15,8%) poi Veneto (17,5%) e Umbria (20%). Sono 2.156.000 i bambini e ragazzi che oggi in Italia vivono in condizioni di povertà relativa; più di un minorenne su 5. Il Rapporto “I diritti dell’infanzia e dell’Adolescenza in Italia: I dati regione per regione 2018”, del Gruppo CRC di cui fa parte anche CIAI, fotografa nel dettaglio l’incidenza in ciascuna regione, indicando quanti vivono, e dove, molto al di sotto della media nazionale.

I dati sono suddivisi in schede regionali e in cinque raggruppamenti tematici definiti: 1) Dati demografici, 2) Ambiente familiare e misure alternative, 3) Educazione, gioco e attività culturali, 4) Salute disabilità e servizi di base, 5) Povertà e protezione.

Per scaricare l’intero Rapporto CLICCA QUI

MENO DI UN MESE ALL’ASSEMBLEA

Sembra ieri che spegnevamo le candeline sulla torta dei nostri 50 anni e già siamo pronti a rivederci per il tradizionale incontro annuale. Manca meno di un mese all’appuntamento di Rimini – all’interno del quale si svolgerà anche l’Assemblea dei Soci, programmato dal 25 al 28 aprile presso il Savoia Hotel.
SIAMO LA DIFFERENZA è la cornice sotto la quale nel 2019 vogliamo agire ed il tema attorno al quale abbiamo scelto anche di strutturare il nostro incontro annuale.
Anche quest’anno quello che vi proponiamo è un incontro a più voci, una straordinaria occasione di confronto e approfondimento.
Vi consigliamo di dare un’occhiata al ricco PROGRAMMA e poi di procedere subito con l’iscrizione che potrete fare online CLICCANDO QUI

Vi aspettiamo a Rimini!

DOVE MI TROVO?