was successfully added to your cart.

Carrello

“Molto interessante, ricco di riflessioni e di stimoli.
Non so voi, ma io mi sento proprio parte di una bella comunità…
Questa brutta esperienza penso che stia arricchendo l’umanità di umanità
e proverà a scrollarci di dosso l’individualismo che stava prendendo il sopravvento…”

 

È un messaggio carico di emozioni e speranza quello che una docente di Città di Castello ha inviato ai colleghi al termine dello Sportello Insegnanti in streaming appena concluso.

All’indomani della chiusura delle scuole italiane è stato infatti subito chiaro a tutti i partner di progetto quale fosse la priorità: supportare i docenti per supportare i ragazzi.

A Città di Castello, la risposta è stata particolarmente tempestiva, anche grazie alla piattaforma tecnologica messa a disposizione del coordinatore territoriale Fondazione Hallgarten-Franchetti Centro Studi Villa Montesca e alla rete di relazioni già forti della locale Comunità Educante.

Supporto agli insegnanti: lo Sportello psicologico e antropologico

La prima sessione online dello Sportello Insegnanti condotta dai dottori Mauro Luciani (psicopedagogista) e Michela Marchetti (antropologa) ha avuto una partecipazione elevatissima: oltre 70 docenti su un totale di 80. 

La possibilità di inquadrare i problemi da due punti di vista complementari (psicologico e antropologico) ha offerto un orizzonte di riferimento,ben bilanciato tra dimensione individuale e sociale.

Da parte dei docenti è emerso in modo forte il bisogno di essere di aiuto ai ragazzi, alcuni dei quali già toccati da vicino dal dolore della malattia e della perdita di persone care.

L’elaborazione del trauma e della perdita

Come fare, da insegnanti, a essere di supporto in una sfera così privata?

Come aiutare i ragazzi a metabolizzare l’esperienza straniante dell’isolamento? 

Come sostenere quelli più provati, in assenza dei tradizionali momenti collettivi di elaborazione del lutto?

La strada delineata dagli esperti è quella della relazione, del racconto e della condivisione.
Ai ragazzi serve portare l’attenzione su quello che stanno vivendo, per rifletterci e lavorarci sopra, da soli e in gruppo.
Gli insegnanti possono stimolare e favorire questo processo, ascoltando in prima persona e incoraggiando i ragazzi ad aprirsi e ad ascoltare a loro volta i compagni.

Attività di formazione per docenti

Alcune attività previste per l’Aggiornamento Insegnanti sono state ridefinite proprio per formare i docenti a questo delicato compito.

È il caso del corso di Didattica attiva, tenuto da Fabrizio Boldrini e Maria Rita Bracchini. Oltre ad aver acquisito un focus più preciso sulla didattica a distanza, il corso è stato infatti arricchito con l’intervento di Emiliano Onori sul tema dello Storytelling digitale

Il racconto autobiografico, realizzato con i linguaggi del digitale, da materia di studio diventa infatti strumento di elaborazione psicologica.

Supporto ai genitori: Mindfulness e Yoga in streaming

Anche le attività di #tu6scuola programmate per l’Orientamento Genitori sono state ridefinite nell’ottica del sostegno alle famiglie.

Sono partiti due percorsi in streaming per aiutare il benessere psicofisico e migliorare la gestione dello stress in casa: Mindfulness, con Stefano Francoia, e Yoga, con Claudia Pacciarini.

La lezione di Yoga, ricca di atmosfera

Oltre 40 partecipanti al corso di Mindfulness

 

 

 

 

 

 

 

Per entrambi i corsi le richieste sono state superiori alle aspettative. Questo ha indotto ad ampliare al massimo il numero dei partecipanti. I corsi sono infatti aperti anche agli insegnanti e in generale a chiunque, previa prenotazione.

La modalità in streaming, in questo caso, da soluzione emergenziale è diventata occasione per offrire un servizio all’intera comunità. Un risultato davvero grande e inatteso per #tu6scuola.

Supporto ai ragazzi: dalla didattica alla quotidianità

Formare i docenti e supportare le famiglie è stato il modo più immediato, per il progetto, di raggiungere e sostenere i ragazzi. 

Ma anche altre attività, direttamente rivolte ai ragazzi, stanno riprendendo con una nuova forma.

Il Sostegno allo Studio prosegue sulle piattaforma digitale di Villa Montesca, che ospita lezioni di recupero di matematica e approfondimenti di inglese con madrelingua. 

Lo Sportello Psicopedagogico e lo Sportello Antropologico per studenti, risolte alcune criticità legate all’accesso a distanza, si apprestano a ripartire.

Anche per i Fuori Orario si sta organizzando la modalità virtuale. Il corso di percussioni dovrebbe proseguire con lezioni di ritmica online e anche il corso di teatro manterrà il suo appuntamento settimanale.

Sfruttando al massimo le possibilità offerte dalla tecnologia, #tu6scuola va avanti e si reinventa, al fianco di una scuola che è e deve essere punto di riferimento forte per i ragazzi. E che deve mettere in campo tutta la sua flessibilità e creatività, in tempi normali così come nelle emergenze.