BAMBINE SENZA PAURA

Contesto
Povertà, insicurezza e un sistema sociale basato su pesanti discriminazioni di genere sono in Afghanistan le principali barriere ai diritti delle bambine.
Più della metà delle bambine afghane non frequentala scuola ed inizia a lavorare già prima dei 10 anni.
Tante vengono date in sposa appena raggiunta la pubertà e presto diventano madri.
Per le più coraggiose, per quelle che si ribellano a questi matrimoni forzati o alla violenza, il rischio è la detenzione per “crimini contro la morale”.
L’attività  di CIAI in carcere accanto a queste bambine è il primo passo per garantire loro protezione.

Cosa vogliamo ottenere:
Bambine protette
Bambine istruite
Bambine positivamente reintegrate all’interno del nucleo familiare alla fine della pena detentiva
Bambine non più percepite come ree di crimini morali, ma valorizzate nella comunità e nell’intero Paese come agenti di pace.

Cosa facciamo
Le proteggiamo una ad una, assicurando loro un sostegno psicologico e una difesa legale adeguata
Garantiamo già dentro al carcere un’educazione di qualità, che gli consentirà di costruirsi un futuro dignitoso e privo di discriminazioni
Le accompagniamo al futuro con una formazione professionale che crea le condizioni per l’ inserimento lavorativo.
Le accompagniamo verso il rilascio e il positivo rientro in famiglia attraverso strumenti di mediazione e sostegno durante la fase di reinserimento scolastico, familiare e sociale.
Incontriamo i leader locali per sensibilizzare le comunità rispetto alla condizione di queste bambine e sulle nuove leggi in materia di violenza sui minori.

Partner
Ashiana , Ong afghana con cui CIAI collabora dal 2011, particolarmente esperta nella protezione dell’infanzia e nell’educazione.

Donor
OTB Foundation

DONA ORA