was successfully added to your cart.

Carrello

PER I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI CIAI C’E’

By giugno 25, 2019news

“Davanti a vicende così forti come questa della Sea Watch, noi che da 50 anni ci occupiamo di adozione internazionale sentiamo che è venuto il momento di dare una nuova risposta alla vulnerabilità dei bambini; l’affidamento di minori non accompagnati che arrivano nel nostro Paese è la sfida che dobbiamo percorrere perché abbiamo l’esperienza e una forza fatta dalle famiglie adottive. Famiglie che sono l’emblema stesso dell’accoglienza e che sono pronte a nuovi incontri. Se è vero che per tutti noi è venuto il momento di decidere da che parte stare, per CIAI è arrivato il momento di decidere cosa fare di più. Noi stiamo già lavorando per rendere concreta questa nuova risposta”. Questa la dichiarazione del presidente di CIAI Paola Crestani a seguito delle notizie che arrivano dalla nave Sea Watch.

Nei giorni scorsi CIAI, Insieme a più di 40 associazioni e organizzazioni impegnate per la tutela dei diritti dei minori e di rifugiati e migranti, ha inviato una lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in riferimento alle 42 persone a bordo della nave Sea Watch.
Ricordando le parole pronunciate dal Presidente della Repubblica in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, abbiamo chiesto che l’Italia adempia ai suoi doveri di solidarietà, assistenza e accoglienza, così come previsto dalla Costituzione Italiana e dal diritto internazionale.

Sottolineando come la Sea Watch non possa ottemperare all’ordine di ricondurre le persone salvate in Libia, in quanto porto non sicuro, abbiamo evidenziato la necessità che l’Italia e gli altri Stati coinvolti collaborino attivamente al completamento delle operazioni di soccorso con il rapido approdo in un porto sicuro di tutte le persone a bordo e abbiamo chiesto a Conte di ricorrere alle sue responsabilità per fare sì che le operazioni di sbarco possano essere condotte nelle prossime ore, assicurando l’opportuna immediata presa in carico dei minori ancora a bordo e di tutte le altre persone bisognose di cure e supporto.

Donatella Ceralli

Author Donatella Ceralli

More posts by Donatella Ceralli