was successfully added to your cart.

Carrello

“Trovo sia inaccettabile che la scuola abbia così poca importanza per chi ci governa. Io voglio vivere in un Paese nel quale l’istruzione, la cultura e la scuola siano considerate priorità”.

 

Chi scrive è Sara, una studentessa di 15 anni che senza filtri si rivolge a tutti noi – cittadini, genitori, politici, rappresentanti delle istituzioni – attraverso una lettera aperta, pubblicata dal blog allonsanfàn.

Dopo mesi di scuole chiuse, lezioni a distanza dove possibile, disparità emerse e nuove fragilità, colpisce lo sguardo lucido di una adolescente che mette il dito nella piaga. L’emergenza Covid in Italia ha puntato i riflettori sulle fragilità del sistema scuola. E soprattutto sulla mancanza di soluzioni che valorizzassero l’educazione di bambini e ragazzi come strumento di crescita e sviluppo per l’intero paese.

(foto: Unsplash)

 

Una generazione a diverse velocità

Sara è quindi l’emblema delle nuove generazioni consapevoli del loro ruolo nella società, del loro protagonismo. Tuttavia è anche esempio tangibile di come l’Italia – che non riesce a decidere con chiarezza e tempestività sulla scuola – stia crescendo generazioni a diverse velocità. Chi ha strumenti e consapevolezze sulle proprie scelte future; chi resta lontano o indietro dalle possibilità di crescita individuale e collettiva; chi  resta totalmente estraneo e, con molta probabilità, andrà a far crescere le statistiche degli abbandoni e dei dispersi.

Diritti che non sono stati garantiti, che ora devono essere risarciti e che giovani come Sara reclamano con forza.

Si sta lentamente profilando una nuova emergenza educazione, sottile e talvolta poco evidente, che, se non affrontata, avrà conseguenze irreparabili nella società nei prossimi anni.

Ascoltare i ragazzi

“La bellezza della lettera di Sara è il fatto che quando diamo la parola ai bambini e ai ragazzi, ci rendiamo conto di quante idee e di quali visioni abbiano. Se oggi la scuola è la Cenerentola del dibattito, dobbiamo anche notare che in questo dibattito non stiano entrando i ragazzi – ha detto Luca Meschi, direttore territoriale Italia CIAI – In Italia con i progetti come #tu6scuola e “Piccoli che valgono” si lavora perché  i ragazzi siano protagonisti dei loro contesti. Come dice Sara, contrastare la dispersione scolastica, fare in modo che i ragazzi vadano a scuola, significa aiutarli nel loro processo di emancipazione dalle condizioni sociali familiari. E di conseguenza far crescere la società tutta”.