was successfully added to your cart.

Carrello

La scuola dimenticata, i bisogni di bambini e ragazzi

Sono terminate le scuole per gli studenti della generazione Covid. E otto milioni di studenti che attendono ancora di avere risposte  sul rientro in classe a settembre.

“Tutti all’ultimo banco nella scuola dimenticata” scrive Carlo Verdelli in un editoriale sul Corriere della Sera di oggi, in cui senza sconti si mette il dito nella piaga. La scuola non è stata per questo governo una priorità sociale, al contrario di altri paesi europei, dalla Germania alla Danimarca, “ma persino in Paesi più fragili come Grecia e Portogallo” dove si è “(…) tentato di cucire la ferita aperta dalla pandemia mettendo per i primi i bambini”.

La didattica a distanza ha escluso un alunno su due “aggravando una povertà educativa che secondo l’Istat ha ormai superato i 2 milioni di minori, un quarto del totale”. L’Italia, con il più basso tasso di laureati in Europa e uno dei più alti di abbandono scolastico (un milione di giovani in dieci anni, dati ISTAT), è all’ultimo posto dei paesi OCSE per la spesa pubblica destinata all’istruzione.

Attraverso progetti educativi in Italia, da #tu6scuola a Piccoli che valgono, CIAI fa parte di quel Terzo settore che ha continuato a lavorare e impegnarsi durante la pandemia per garantire a tutti i bambini e ragazzi il diritto alla scuola come luogo di crescita dell’individuo e di relazione con il mondo. Così ha detto Luca Meschi, Direttore Territoriale Italia di CIAI. Abbiamo visto lo sforzo degli insegnanti e di tutti gli operatori della scuola: anche con il  sostegno nostro e dei partner di progetto abbiamo cercato di trasmettere ai ragazzi quell’attenzione e quell’ascolto necessari perché nessuno si sentisse e fosse escluso, dalla didattica alla relazione con i pari e con gli insegnanti.

Come ribadisce oggi Verdelli, la scuola è stata dimenticata e non vi sono prospettive chiare, a differenza di quanto accade in altri paesi.

E se in un momento di emergenza la politica definisce molte priorità tranne la scuola, che messaggio stiamo dando a bambini e ragazzi? La scuola, il vostro futuro, non è una priorità” .

Domani, 18 giugno, alle 18.30, durante il quarto CIAI Talk si parlerà del valore della scuola e dei bisogni di bambini e famiglie in Italia.
Nella diretta Facebook e Youtube saranno presenti Paola Crestani (presidente CIAI), Arianna Saulini (coordinatrice gruppo CRC) e Simona Rotondi  (Attività istituzionali Con i Bambini).