was successfully added to your cart.

Carrello

LA COOPERAZIONE NON E’ MONETA DI SCAMBIO

By maggio 29, 2019news

La Rete di ONG LINK2007, a cui CIAI appartiene,  il Coordinamento Italiano ONG Internazionali (CINI), e l’Associazione delle Organizzazioni Italiane di Cooperazione e Solidarietà Internazionale (AOI) esprimono preoccupazione rispetto alle misure concernenti la cooperazione internazionale contenute nella bozza del cosiddetto “Decreto Sicurezza bis” attualmente in discussione, sottolineando il rischio di un utilizzo distorto dei fondi di cooperazione allo sviluppo.

Oltre alle preoccupanti misure relative al salvataggio in mare e sicurezza pubblica, infatti, la bozza di Decreto propone, all’Articolo 12, l’istituzione presso il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale di un “Fondo di premialità per le politiche di rimpatrio” – con una dotazione inziale di 2 milioni di euro, incrementabile fino a un massimo di 50 milioni nei prossimi anni. Il testo lega gli interventi di cooperazione italiani con i Paesi partner ad una “particolare collaborazione” di questi ultimi nel settore dei rimpatri di soggetti irregolari.

CINI, AOI e LINK2007 ricordano che la legge 125/2014 riconosce alla cooperazione allo sviluppo gli obiettivi di sradicare la povertà e ridurre le disuguaglianze; tutelare e affermare i diritti umani; prevenire i conflitti e rafforzare le istituzioni democratiche. Il Fondo proposto, dunque, snatura le finalità ultime della cooperazione allo sviluppo, introducendo per la prima volta in modo formale un principio di condizionalità sugli aiuti, che risponderebbero a interessi nazionali italiani più che ad obiettivi di sviluppo.

CINI, AOI e LINK2007 chiedono una rivalutazione circa le misure di immigrazione previste dal Decreto a partire dall’eliminazione dell’attuale Art. 12 dal testo, rimuovendo così ogni riferimento a condizionalità relative alla cooperazione internazionale.

Per scaricare la versione integrale del comunicato CLICCA QUIlink2017

Donatella Ceralli

Author Donatella Ceralli

More posts by Donatella Ceralli