STS – STREET TO SCHOOL

Contesto
A circa 10 km da Phnom Penh, la capitale della Cambogia, si trova lo slum di Andong, un agglomerato di case e costruzioni “di fortuna”.
Qui nel 2006 il governo ha forzatamente trasferito più di 1.000 famiglie dopo averle espropriate delle proprie case. Hanno perso tutto, casa lavoro, legami. Negli anni questo luogo è diventato l’approdo di coloro che migrano dalle campagne alla ricerca di un’opportunità, un luogo di transito dove prevale il senso di precarietà e manca qualunque infrastruttura.
Tutti i bambini a partire dai 6 anni sono formalmente iscritti a scuola, ma pochissime famiglie si assicurano che la frequentino davvero e con quali risultati.
La maggior parte soffre di malattie legate alla poca igiene ed alla malnutrizione; scabbia e infezioni sono all’ordine del giorno.

L’opportunità di frequentare il Centro produce molti effetti virtuosi.

Sostenere i bambini con l’istruzione e con le attività alternative per CIAI è un’azione concreta per contrastare questa povertà e assenza di futuro. Abbattere le barriere che impediscono ai bambini di godere dei propri diritti, partendo dall’accesso all’educazione e alla salute è il primo passo per l’inclusione.

Cosa vogliamo ottenere
Bambini che riacquistano il diritto di essere bambini
Bambini che accedono ad un primo monitoraggio e tutela sanitaria
Famiglie rafforzate nella propria genitorialità

Cosa facciamo
Nel 2007 CIAI ha creato il centro diurno STS; uno spazio attrezzato e “a misura di bambino” che accoglie annualmente circa 180 bambini dai 3 ai 13 anni.

Aperto dalle 7 alle 17 da lunedì a venerdì offre servizi differenziati per ogni fascia d’età: l’asilo per bambini 3-6 anni, la biblioteca , la ludoteca, attività ricreative come teatro, danza, disegno e i corsi di sostegno.

Il centro è anche attrezzato per monitorare lo stato di salute psico-fisica degli utenti e per offrire assistenza medica di base.

Le famiglie che aderiscono al progetto ottengono un sostegno, ma assumono anche un impegno: quello di garantire parallelamente la frequenza scolastica dei propri figli.

DONA ORA