PICAPS

Contesto
In Burkina Faso lo sfruttamento del lavoro minorile è estremamente diffuso.
Secondo l’Enquête Nationale sur le Travaildes Enfants nel Paese il 41% dei bambini tra i 5 e i 17 anni lavora, di questi il 69% è impiegato nel settore agricolo, il 19% nel lavoro domestico, 5% nel commercio e 2% nei siti auriferi.
I bambini che lavorano non sono scolarizzati ed è alta la percentuale di quelli che subiscono abusi nell’ambito lavorativo.
CIAI considera la scuola una carta vincente. Solo l’inclusione scolastica può restituire loro un’infanzia.

Cosa vogliamo ottenere
Bambini che riacquistano il diritto di essere bambini
Bambini con accesso ad un’istruzione conforme al loro stadio educativo
Famiglie e comunità consapevoli dei rischi dello sfruttamento e sostenute nelle attività capaci di generare reddito
Istituzioni attive e sostenute nel contrasto ai rischi e alle barriere che impediscono ai bambini il pieno godimento dei loro diritti

Cosa facciamo
Reinserimento scolastico dei bambini vittime di sfruttamento (classi di recupero)
Ristrutturazione e adattamento di 10 scuole primarie nei villaggi rurali in modo che siano in grado di accogliere tutti i bambini in età scolare della zona.
Sensibilizzazione delle famiglie e interventi di sostegno in loro favore per migliorare la situazione economica
Rafforzamento del sistema di protezione dei bambini e dei loro diritti tramite la formazione e la sensibilizzazione delle autorità locali

Partner
Municipalità dei 10 villaggi coinvolti nel progetto
InterlifeOnlus
Socialis, Centro Studi in Imprese cooperative sociali ed enti non profit
Università di Brescia – facoltà di Economia e Managment
Association pour la Promotion du Monde Rurale (APMR)
Cooordination Nationale Des Associations Des Enfants Et Jeunes Travailleurs Du Burkina (CN/AEJTB)
Association pour la Promotion de la Jeunesse du Sanguie (APROJES)
Direzione Regionale dell’Educazione Nazionale (DREPPNF)
Direzione Regionale della Funzione Pubblica, del Lavoro e della protezione Sociale (DRFPTSS)
Ministero della Giustizia e dei Diritti Umani e della promozione civica

DONA ORA