MY SCHOOL PAILIN

Contesto
In Cambogia il fenomeno dei bambini rimasti soli per via dell’emigrazione dei genitori  è un’ emergenza.
Nella municipalità di Pailin, al confine con la Thailandia, l’economia di sussistenza basata sull’agricoltura,spesso non riesce a sostenere  le famiglie,  per questo l’emigrazione diventa una via obbligata per cercare altrove le risorse necessarie.
Una delle conseguenze più immediate è l’abbandono della scuola da parte dei bambini.
Una scuola che in Cambogia, deve ancora migliorare molto per garantire a tutti  bambini e le bambine pari opportunità di accesso al sistema educativo e pari sostegno nel terminare la scolarizzazione primaria.
In un contesto complesso come quello della municipalità di Pailin, le più vulnerabili sono le bambine, le prime a dover abbandonare gli studi per colmare il vuoto genitoriale.
Per CIAI, creare le condizioni perché queste bambine possano frequentare la scuola è il primo passo verso la loro protezione.

Cosa vogliamo ottenere
Ridurre l’abbandono scolastico nella Municipalità di Pailin con particolare attenzione per le bambine
Migliorare la qualità del sistema scolastico implementando modalità di partecipazione attiva

Cosa facciamo

  • Lavoriamo perché gli scolari partecipino pienamente alla loro formazione attraverso l’implementazione dell’approccio “Child Friendly” (Scuola amica)
  • Forniamo un corredo scolastico di base per tutti i bambini e le bambine che non possono permetterselo
  • Avviamo campagne d’iscrizione scolastica coinvolgendo l’intera comunità
  • Organizziamo attività sportive e ricreative nelle scuole coinvolgendo i genitori
  • Siamo attivi nel miglioramento/adeguamento di alcune infrastrutture scolastiche, come la precaria scuola di Pangrolin nella giungla
  • Continuiamo la mappatura delle vulnerabilità per capire chi e dove è maggiormente esposto all’abbandono scolastico
  • Sosteniamo la formazione degli insegnanti e  forniamo loro materiali utili all’insegnamento
  • Proponiamo seminari sui diritti dei bambini diretti ai consigli studenteschi e agli abitanti della comunità
DONA ORA