Nonostante  la crescita economica della Cina prosegua, seppur con fasi di rallentamento,  permangono enormi disparità sociali tra le minoranze etniche e religiose, tra la popolazione rurale e quella urbana così come necessitano di tutela i lavoratori migranti e le loro famiglie. Per quanto il Governo provi a controllare fortemente le migrazioni interne, gli spostamenti (regolari o irregolari) verso le grandi città da parte di famiglie in cerca di lavoro e migliori condizioni di vita hanno reso le metropoli luoghi ‘difficili’. A farne le spese i bambini, soprattutto i più vulnerabili, a rischio di abbandono.
Il governo cinese sta lavorando per rafforzare il sistema di protezione dei minori che vivono in istituto così come quelli che attraverso l’adozione o l’affido possono essere inseriti in famiglia. In questo contesto è stato ritenuto necessario migliorare la preparazione degli operatori sociali, di coloro che lavorano all’interno di istituti e del personale incaricato alla formazione delle famiglie affidatarie. CIAI è presente in Cina con le adozioni internazionali dal 2009 e con progetti di cooperazione dal 2012.

I PROGETTI da realizzare insieme a voi