Viaggio di ritorno alle origini

“Un viaggio, con dentro un viaggio, con dentro un altro viaggio”

Il viaggio di ritorno alle origini consente di assaporare, toccare con mano, il Paese di origine, di conoscerne il contesto socio-culturale e di visitare l’istituto di provenienza. Permette alla famiglia adottiva di condividere un’esperienza forte e coinvolgente: l’appartenenza al Paese diviene patrimonio dell’intero nucleo familiare. Il VRO può essere intrapreso con la famiglia adottiva, con il compagno/coniuge, o da solo, recandosi nel paese in cui è nato per un periodo di tempo limitato (15 giorni).

La proposta di CIAI prevede un’ulteriore risorsa, il gruppo: recarsi nel Paese di origine dei propri figli con altre famiglie che condividono le stesse emozioni, le stesse paure e le stesse gioie, rende il viaggio già di per sé emotivamente molto coinvolgente, unico. Il gruppo è composto da un minimo di 10 a un massimo di 30 persone.

Il VRO è organizzato dalla sede centrale. Viene proposto in tutti i Paesi in cui CIAI fa o ha fatto adozioni ma è realizzabile anche in altri Paesi di origine, sulla base delle richieste pervenute. E’ infatti rivolto a tutte le famiglie adottive, non solo a quelle che hanno adottato con CIAI.

Sulla base dell’esperienza di questi anni consigliamo di intraprendere il VRO se:

  • l’adozione è stata realizzata da almeno 5 anni
  • l’età del figlio adottivo è superiore ai 9 anni.

Molta importanza va data alla preparazione della famiglie e del figlio a questa esperienza; riteniamo necessario, prima della partenza, approfondire e verificare:

  • l’effettivo desiderio dei figli e dei genitori di recarsi nel Paese;
  • l’assenza di particolari e rilevanti problematiche psicologiche o di eventi e situazioni disturbanti nella vita personale e familiare.

Il gruppo viene accompagnato da un operatore CIAI e da uno psicologo; queste stesse persone guidano gli incontri preliminari, quelli durante il viaggio e qualche mese dopo il rientro.

Il VRO non ha come finalità la ricerca dei familiari biologici.

Quando è nata l’idea

Il primo viaggio di ritorno alle origini è stato realizzato da CIAI in Corea alla fine degli anni ’70 su sollecitazione di alcune famiglie che desideravano tornare con i loro figli adottivi, ormai divenuti grandi, nel paese natio. Questo input è stato immediatamente colto da CIAI, nella consapevolezza dell’enorme importanza del rapporto che il bambino adottivo ha con le sue origini. Da allora, l’esperienza (in gruppo) è stata ripetuta diverse volte in India (5), Colombia (3), Etiopia (2), Cambogia (1), Thailandia (1).

Prossimi VRO
2018

  • Ecuador fine luglio-inizio agosto
  • Etiopia vacanze Natale

Siete interessati a partecipare ad un VRO o state pensando di effettuarne uno autonomamente?
Contattate
Cristiana Carella, Relazioni con i Soci
cristiana.carella@ciai.it
tel 0284844430